23/04/08

15

Non mi ricordo come si chiama quello coi baffi delle televendite

I tulipani sono piantati, in via del tutto sperimentale. Mi sono accorta che non ho uno strumento per innaffiare, nè tantomeno dei sottovasi. Il risultato è che sto allagando casa, a più ondate, sotto lo sguardo preoccupato di Omo.
Ho rifatto il colloquio per passare al livello 2: accanto all'olandesina questa volta c'era l'inglese che dovrebbe essere il mio capo. Mi aspettavo un uomo dall'aspetto burbero, invece mi sono trovato davanti un ometto con il faccino da adolescente. Ovviamente non mi hanno rifatto le stesse domande, ma se ne sono inventate altre. Il mio manager dice che in realtà è tutta una scusa per testare il livello di inglese. Che ne sapete voi, i progressi che si possono fare un mese, eh.
Il problema è che il cubista che doveva darmi il cambio è arrivato in ritardo e io sono arrivata all'aula del colloquio esanime, reduce di diverse rampe di scale assassine. Quando mi sono seduta ero rossa, avevo il fiatone e parlavo ansimante tipo quello coi baffi che fa le televendite, che non mi ricordo il nome ma avete capito chi è. Non dovevo essere esattamente uno spettacolo a vedersi da fuori, ma del resto non mi sto mica candidando per un posto di maratoneta.
Per il resto, maratona cinematografica degli ultimi giorni:
QUEL TRENO PER YUMA
Passo il film a chiedere a Omo chi è che deve andare a Yuma? Perchè deve andare a Yuma? Chi è che ha messo la taglia su chi? Ma scusa, perchè questo lo deve accompagnare al treno, a Yuma non ci può andare da solo?
Mentre Omo inizia a pensare veramente che io sia cerebrolesa, sentenzio che i western non fanno per me, tantomeno i remake.
CARAMEL
Ho finalmente scaricato la versione giusta. Libano: ci sono queste donne in un salone di bellezza, chi ha la relazione con l'uomo sposato e si ritrova pure a dover fare la ceretta alla moglie, chi si deve far ricucire proprio lì prima del matrimonio per far finta di essere vergine, e così via. La certezza che mi ha dato questo film è che anche io voglio essere socia di un centro di bellezza, vuoi mettere a farsi fare la ceretta, le mechès e il pedicure a gratisse.
DIARIO DI UNO SCANDALO
A scuola arriva un'insegnante giovine e bionda. Questa dice ma chi se ne frega che c'ho un marito e due figli, chi se ne frega che è illegale, io mi faccio lo studente quindicenne, perchè la carne è debole. Peccato che c'ha una collega vecchia che la coglie in flagrante e che è più pervertita di lei. Praticamente il succo della storia è che il gatto della vecchia stava morendo e la bionda doveva accompagnare il figlio alla recita: siccome la vecchia le sta attaccata come un polipo alla cozza, la ricatta e dice se non mi accompagni dal veterinario, io dico tutto, cioè che ti fai il quindicenne. Giustamente la bionda dice ma chi te se incula, io c'ho la recita di mio figlio.
La vecchia pervertita spiffera tutto, e questo è quanto. Insomma, uno scandalo.


15 commenti:

  1. ilallallero23/4/08 3:14 PM

    Ci vuole un pò di pane con i tulipani. Nella prossima vita anche io farò l'estetista, ormai ho deciso. Ti va di aprire un centro in società con me?

    RispondiElimina
  2. diario di uno scandalo non era un po' lesbo?

    erbetta

    RispondiElimina
  3. ILALLA sisi, apriamolo. io mi candido per trattamenti viso, a parte che qualcuno mi metta a posto i capelli. la accendiamo?

    ERBA si, nel senso che la vecchia si attacca come una ventosa alla giovine, mentre la giovine si fa il 15enne però. insomma, c'è una lesbica e una pedofila, assieme ad un marito cornuto.

    RispondiElimina
  4. Roberto, il baffo incazzato!

    RispondiElimina
  5. Sciro, hai mai pensato di scrivere recensioni per i cahiers du cinéma?
    avresti un futuro...
    :PP

    RispondiElimina
  6. marcovaldo24/4/08 8:46 AM

    sciroccata meglio del palomba!

    RispondiElimina
  7. ilallallero24/4/08 10:36 AM

    Io mi occupo del corpo, cerette e massaggi (sono già brava, eh, da qui alla prossima vita sarò una professionista! :P) Accendi, accendi!

    (Però tocca trovare una terza socia che ci sappia fare con i capelli)

    RispondiElimina
  8. per nn lasciare spazio alla cronaca il tizio in questione si kiama roberto da crema..
    mi stupisce il fatto che con la sua asma fulminate non sia ankora deceduto...

    RispondiElimina
  9. Io dopo aver visto caramel non riuscivo a togliermi dalla testa tutto quel caramello sprecato. Io ci avrei fatto un croccante.

    RispondiElimina
  10. sciroccata25/4/08 5:19 PM

    ANNARUZZA é vero, roberto!
    non ci ho mai pensato, ma magari c'ho un futuro.

    MARCOVALDO a questo punto voglio diventare presidente.

    ILALLA la parrucchiera serve, anzi due é ancora meglio. dai, reclutiamo e fondiamo questo centro benessere.

    SIGIO informatissimo, azzo!

    BIANCOBI anche io ho pensato che mi sarei volentieri strafogata quel caramello. slurp.

    RispondiElimina
  11. il caramello non me lo ricordo perchè ho perso l'inizio che un amico di fra doveva parcheggiare e m'avevano lasciato come una cozza attaccata all'ingresso del cinema in attesa, però mi ricordo il poliziotto coi baffi. eh sì, quello me lo ricordo...
    spuntano i bulbi?

    RispondiElimina
  12. Certo che il mondo è strano. Stasera ho scoperto x caso che un mesetto fa circa ci siamo incontrati..ma non sapevo fossi te! bahahah..che roba..salutami il collega "NBAofilo"..

    RispondiElimina
  13. ZOE non si lasciano le donzelle cosi, ma che roba :)

    STEVE mi é venuto il dubbio anche a me un mese fa, ma non ero sicura, indi ho taciuto, anche per mantenere un barlume di priacy davanti agli altri :)
    capisc a mme!

    RispondiElimina
  14. Io ti apprezzo per come scrivi lo sai...però Scirò..di queste recensioninon ho capito una pippa!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails